fbpx

Lo SHOP è momentaneamente in manutenzione. Lo stiamo migliorando per rendere l'esperienza di acquisto più gradevole. Per poter sapere quando sarà nuovamente online vi invitiamo a iscrivervi alla newsletter. Ne daremo comunicazione.

ALOE 0,05% SOLUZIONE DA NEBULIZZARE FLACONE NEBULIZZATORE 15 ML

ALOE 0,05% SOLUZIONE DA NEBULIZZARE FLACONE NEBULIZZATORE 15 ML

11,48 

Descrizione

VICKS SINEX ALOE 0,05% SOLUZIONE DA NEBULIZZARE Decongestionanti nasali ed altri preparazioni per uso topico, simpatic omimetici non associati. Principio attivo: ossimetazolina cloridrato 0,0500% p/v. 1 ml di prodo tto contiene 0,5 mg di ossimetazolina cloridrato. 1 nebulizzazione (50 microlitri) contiene circa 25 microgrammi di ossimetazolina cloridrat o. Eccipienti con effetti noti: benzalconio cloruro, alcol benzilico. Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1. Levomentolo, sodio citrato, acido citrico anidro, benzalconio cloruro soluzione, disodio edetato, eucaliptolo (cineolo), sorbitolo liquido n on cristallizzabile, aloe vera, acesulfame potassico, Lcarvone, poliso rbato 80, alcol benzilico e acqua depurata. Decongestionante della mucosa nasale, specie in caso di raffreddore. Ipersensibilita’ al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipien ti elencati al paragrafo 6.1, ipertrofia prostatica, malattie cardiach e ed ipertensione arteriosa gravi. Glaucoma, ipertiroidismo. Non sommi nistrare durante e nelle due settimane successive a terapia con farmac i antidepressivi (IMAO). Infiammazione o lesioni della mucosa orale o della pelle intorno alle narici. Il farmaco e’ controindicato nei bamb ini di eta’ inferiore ai 12 anni. Adulti e bambini oltre i 12 anni: 1-2 nebulizzazioni per narice ogni 8 – 12 ore, salvo diversa indicazione del medico. Tenere il flacone in posizione verticale, introdurre nella narice la sua estremita’ e preme re il nebulizzatore con moto rapido e deciso. Dopo l’applicazione, ins pirare profondamente a bocca chiusa. Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conser vazione. Impiegare con cautela nei primi mesi di gravidanza e, per il pericolo di ritenzione urinaria, negli anziani. Impiegare con cautela anche nei pazienti con angina e diabete. Se i sintomi persistono si deve consid erare una rivalutazione clinica, in ogni caso, il trattamento non deve essere protratto per oltre 4 giorni consecutivi per evitare un effett o rebound e fenomeni di rinite indotti dal farmaco. Attenersi con scru polo alle dosi consigliate. L’ingestione accidentale puo’ provocare se dazione spiccata. Non deve essere usato oralmente. Evitare il contatto del liquido con gli occhi. L’uso protratto dei vasocostrittori puo’ a lterare la normale funzione della mucosa del naso e dei seni paranasal i, inducendo anche assuefazione al farmaco. Ripetere le applicazioni p er lunghi periodi puo’ risultare dannoso. L’uso, specie se prolungato, dei prodotti topici puo’ dare luogo a fenomeni di sensibilizzazione in tal caso e’ necessario interrompere il trattamento e istituire una terapia http://farmapiva.it/wp-content/uploads/2022/01/ALL-PRODUCTS.jpgea. Informazioni importanti su alcuni eccipienti: Vicks Si nex Aloe 0,05% soluzione da nebulizzare contiene benzalconio cloruro p uo’ causare broncospasmo. Questo medicinale contiene 0.01 mg di benzal conio cloruro per dose (1 nebulizzazione) che equivalgono a 0.2 mg/ml. Benzalconio cloruro puo’ causare irritazione e gonfiore all’interno d el naso, specialmente se usato per lunghi periodi. Vicks Sinex Aloe 0, 05% soluzione da nebulizzare contiene alcol benzilico. Questo medicina le contiene 0.1 mg di alcol benzilico per dose (1 nebulizzazione), equ ivalente a 2 mg/ml. L’alcol benzilico puo’ causare reazioni allergiche . L’alcol benzilico puo’ causare lieve irritazione locale. Esiste la possibilita’ di interazione tra ammine simpaticomimetiche co me l’ossimetazolina con farmaci anti-MAO per cui si sconsiglia l’uso d urante o nelle due settimane successive a trattamento con farmaci anti -MAO (vedere paragrafo 4.3). L’ossimetazolina potrebbe ridurre l’effic acia dei farmaci beta-bloccanti, metil dopa o altri farmaci antiiperte nsivi. Potrebbero verificarsi fenomeni di ipertensione e di aritmie qu ando gli antidepressivi triciclici vengono somministrati con farmaci s impaticomimetici come l’ossimetazolina. Puo’ verificarsi un aumento de lla tossicita’ cardiovascolare quando i farmaci simpaticomimetici veng ono somministrati in concomitanza di farmaci antiparchinsoniani come l e bromocriptine. Il prodotto se accidentalmente ingerito o se impiegato per lungo perio do in dosi eccessive, puo’ determinare fenomeni tossici. Il prodotto p uo’ determinare localmente fenomeni di sensibilizzazione, e congestion e delle mucose da rimbalzo. In generale non sono stati osservati effet ti indesiderati severi. Per rapido assorbimento dell’ossimetazolina at traverso le mucose infiammate, si possono verificare effetti indesider ati suddivisi con le frequenze seguenti: molto comune (>=1/10) comune (>=1/100, <1/10) non comune (>=1/1000, <1/100) raro (>=1/10000, <1/ 1000) molto raro (>1/10000) non nota (la frequenza non puo’ essere d efinita sulla base dei dati disponibili). Raro. Patologie dell’occhio: irritazione degli occhi, fastidio o rossore. Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche: fastidio o irritazione del naso, della bocc a o della gola, starnuti. Molto raro. Patologie cardiache: tachicardia , palpitazioni, innalzamento della pressione arteriosa, bradicardia ri flessa. Patologie del sistema nervoso centrale: insonnia, nervosismo, tremore, ansia, agitazione, irritabilita’ e cefalea. Patologie gastroi ntestinali: nausea. Patologie renali e urinarie: disturbi della minzio ne. Segnalazione delle reazioni avverse sospette. La segnalazione dell e reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione de l medicinale e’ importante, in quanto permette un monitoraggio continu o del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanita ri e’ richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta trami te il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo https://www.aifa .gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse. Non ci sono studi sull’uso del prodotto durante la gravidanza e l’alla ttamento. Usare con cautela nei primi mesi di gravidanza. La somminist razione deve essere presa in considerazione solo se il beneficio attes o per la madre supera il rischio per il bambino.