fbpx

Lo SHOP è momentaneamente in manutenzione. Lo stiamo migliorando per rendere l'esperienza di acquisto più gradevole. Per poter sapere quando sarà nuovamente online vi invitiamo a iscrivervi alla newsletter. Ne daremo comunicazione.

2,7 G GRANULATO PER SOLUZIONE ORALE10 BUSTINE

2,7 G GRANULATO PER SOLUZIONE ORALE10 BUSTINE

10,90 

Descrizione

FLUIFORT 2,7 G GRANULATO PER SOLUZIONE ORALE Preparati per la tosse e le malattie da raffreddamento espettoranti e scluse le associazioni con sedativi della tosse, mucolitici. 1 bustina da 5 g contiene: carbocisteina sale di lisina monoidrato par i a 2,7 g di carbocisteina sale di lisina. Eccipienti con effetto noto : aspartame. Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1. Acido citrico, mannitolo, povhttp://farmapiva.it/wp-content/uploads/2022/01/ALL-PRODUCTS.jpge, aroma naturale di cedro, aroma nat urale di arancia, succo di arancia, aspartame, maltodestrine. Mucolitico, fluidificante nelle affezioni dell’apparato respiratorio a cute e croniche. Ipersensibilita’ al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipien ti elencati al paragrafo 6.1. Ulcera gastroduodenale. Gravidanza ed al lattamento. Pazienti di eta’ pediatrica (al di sotto degli 11 anni). 1 sola bustina al giorno. In considerazione delle caratteristiche farm acocinetiche, la posologia consigliata puo’ essere mantenuta anche in pazienti con insufficienza renale ed epatica. La durata massima della terapia e’ fino a 14 giorni. Tuttavia carbocisteina sale di lisina mon oidrato puo’ essere impiegata anche per periodi prolungati, secondo gi udizio del medico. Istruzioni per l’impiego della bustina: sciogliere il contenuto della bustina in circa mezzo bicchiere d’acqua mescolando bene. Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conser vazione. Sanguinamento gastrointestinale: sono stati riportati casi di sanguina mento gastrointestinale con l’uso di carbocisteina. Si raccomanda caut ela negli anziani, nei pazienti con una storia di ulcere gastroduodena li o nei pazienti che assumono farmaci concomitanti noti per aumentare il rischio di sanguinamento gastrointestinale. In caso di sanguinamen to gastrointestinale, il paziente deve interrompere il trattamento con carbocisteina. Pazienti asmatici e debilitati: si raccomanda di prend ere specifiche precauzioni in pazienti con grave insufficienza respira toria, in pazienti con asma e con una storia di broncospasmo, nonche’ in pazienti debilitati. L’uso della carbocisteina provoca una diminuzi one della viscosita’ del muco e un aumento della rimozione del muco, s ia attraverso l’attivita’ ciliare dell’epitelio, sia attraverso il rif lesso della tosse. Pertanto, e’ previsto un aumento della tosse e dell ‘espettorato. L’uso di medicinali antitussivi inibisce il riflesso del la tosse e aumenta il rischio di ostruzione delle vie aeree, a causa d i un aumento dell’accumulo di muco nelle vie respiratorie. L’uso conco mitante di questo medicinale con medicinali sedativi della tosse e/o m edicinali che inibiscono la secrezione bronchiale (ad es. medicinali a nti-muscarinici) non e’ raccomandato. Non sono noti fenomeni di assuef azione o dipendenza. Fluifort 2,7 g granulato per soluzione orale non influisce su diete ipocaloriche o controllate e puo’ essere somministr ato anche a pazienti diabetici. Fluifort 2,7 g granulato per soluzione orale non contiene glutine pertanto puo’ essere somministrato a pazi enti affetti da celiachia. Fluifort 2,7 g granulato per soluzione oral e contiene una fonte di fenilalanina che puo’ essere dannosa per i paz ienti affetti da fenilchetonuria. Sciogliere il contenuto della bustin a in circa mezzo bicchiere d’acqua mescolando bene. In studi clinici controllati non sono state evidenziate interazioni co n i piu’ comuni farmaci di impiego nel trattamento delle affezioni del le vie aeree superiori ed inferiori ne’ con alimenti e con test di lab oratorio. Gli effetti indesiderati sono descritti secondo la classificazione per sistemi e organi secondo MedDRA e sulla base della frequenza stimata dall’esperienza post-marketing. Le frequenze sono definite come segue: molto comune (>=1/10) comune (>=1/100, <1/10) non comune: (>=1/1.00 0, <1/100) raro (>=1/10.000, <1/1000) molto raro (<1/10.000) non no ta (la frequenza non puo' essere definita sulla base dati disponibili) . Patologie della cute, del tessuto sottocutaneo. Non nota: rash cutan eo, orticaria, eritema, esantema, esantema/eritema bolloso, prurito, a ngioedema, dermatite. Sindrome di stevens-johnson, dermatite bollosa, eritema multiforme, eruzione cutanea tossica. Patologie gastrointestin ali. Non nota: dolore addominale, nausea, vomito, diarrea. Sanguinamen to gastrointestinale. Patologie del sistema nervoso. Non nota: vertigi ne. Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche. Non nota: dispn ea. Patologie vascolari. Non nota: rossore. Segnalazione delle reazion i avverse sospette. La segnalazione delle reazioni avverse sospette ch e si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale e' importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/risch io del medicinale. Agli operatori sanitari e' richiesto di segnalare q ualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di seg nalazione all'indirizzo: https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni- reazioni-avverse. Sebbene il principio attivo non risulti ne' teratogeno ne' mutageno e non abbia mostrato effetti negativi sulla funzione riproduttiva nell'a nimale, Fluifort non deve essere somministrato in gravidanza (vedere 4 .3). Poiche' non sono disponibili dati relativi al passaggio di carboc isteina sale di lisina monoidrato nel latte materno, l'uso durante l'a llattamento e' controindicato (vedere 4.3).