fbpx

Lo SHOP è momentaneamente in manutenzione. Lo stiamo migliorando per rendere l'esperienza di acquisto più gradevole. Per poter sapere quando sarà nuovamente online vi invitiamo a iscrivervi alla newsletter. Ne daremo comunicazione.

2,5 MG + 60 MG COMPRESSE12 COMPRESSE

2,5 MG + 60 MG COMPRESSE12 COMPRESSE

11,95 

Descrizione

ACTIFED Decongestionanti nasali per uso sistemico, simpaticomimetici. Una compressa contiene: triprolidina cloridrato 2,5 mg pseudoefedrina cloridrato 60,0 mg. Eccipienti con effetti noti: lattosio. ACTIFED sc iroppo 100 di sciroppo contengono: triprolidina cloridrato 0,025 g ps eudoefedrina cloridrato 0,600 g. Eccipienti con effetti noti: saccaros io, metile para idrossibenzoato, giallo tramonto (E110). Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1. ACTIFED compresse . Ogni compressa contiene: lattosio amido di mais povhttp://farmapiva.it/wp-content/uploads/2022/01/ALL-PRODUCTS.jpge magnesio stearato. ACTIFED sciroppo. 100 ml di sciroppo cont engono: glicerolo saccarosio metile para-idrossibenzoato sodio benz oato giallo chinolina (E104) giallo tramonto (E110) acqua depurata. Decongestionante della mucosa nasale, specie in caso di raffreddore. Ipersensibilita’ ai principi attivi, ad altri antistaminici o ad uno q ualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1 bambini di eta’ i nferiore ai 12 anni gravidanza e allattamento nei pazienti in tratta mento con inibitori delle monoaminossidasi (IMAO) o nelle due settiman e successive a tale trattamento, e nella terapia delle affezioni delle basse vie respiratorie, compresa l’asma bronchiale. In tali casi l’us o concomitante di ACTIFED puo’ causare un aumento della pressione sang uigna o crisi ipertensive glaucoma, ipertrofia prostatica, ostruzione del collo vescicale, stenosi piloriche e duodenali o di altri tratti dell’apparato gastroenterico ed urogenitale (a causa dei suoi effetti anticolinergici) affezioni cardiovascolari, ipertensione arteriosa, i pertiroidismo, epilessia e diabete. Posologia. ACTIFED sciroppo: alla confezione e’ annesso un misurino do satore con indicate tacche di livello rispondenti alle capacita’ di 5 e 10 ml. Adulti e ragazzi al di sopra dei 12 anni: una dose da 10 ml d i sciroppo 2 – 3 volte al giorno. ACTIFED compresse. Adulti e ragazzi al di sopra dei 12 anni: una compressa 2 – 3 volte al giorno. Non supe rare le dosi consigliate. Modo di somministrazione: uso orale. ACTIFED sciroppo: conservare al riparo della luce. ACTIFED compresse: conservare a temperatura non superiore a 25 gradi C, in luogo asciutto . Se i sintomi persistono o peggiorano o se compaiono nuovi sintomi, i p azienti devono interrompere l’uso del medicinale e consultare un medic o. Se i sintomi non migliorano entro 7 giorni o se compare febbre alta o altri effetti indesiderati, i pazienti devono essere avvertiti di i nterrompere il trattamento e consultare il medico. Prima di assumere t riprolidina, i pazienti con le seguenti condizioni respiratorie come e nfisema, bronchite cronica o asma bronchiale acuta o cronica, devono e ssere avvertiti di consultare un medico. La triprolidina puo’ causare sonnolenza e puo’ aumentare gli effetti sedativi di sostanze che depri mono il sistema nervoso centrale come alcol, sedativi, tranquillanti. E’ necessario informare i pazienti che si deve evitare l’uso di bevand e alcoliche durante il trattamento con ACTIFED e che e’ opportuno cons ultare il medico prima di assumere ACTIFED in concomitanza con medicin ali che deprimono il sistema nervoso centrale. Alle comuni dosi terape utiche gli antistaminici presentano reazioni secondarie assai variabil i da soggetto a soggetto e da composto a composto. Per la posologia ne gli anziani e’ necessario considerare la loro maggiore sensibilita’ ve rso gli antistaminici e verso la pseudoefedrina. Sebbene la pseudoefed rina non abbia prodotto effetti importanti sulla pressione arteriosa d i soggetti normotesi, ACTIFED non dovrebbe essere assunto da pazienti in terapia con antipertensivi, antidepressivi triciclici, agenti simpa ticomimetici, quali i decongestionanti, gli anoressizzanti, gli amfeta minosimili. Con i farmaci simpaticomimetici, pseudoefedrina compresa, sono stati riferiti rari casi di encefalopatia posteriore reversibile (posterior reversible encephalopathy, PRES) /sindrome da vasocostrizio ne cerebrale reversibile (reversible cerebral vasoconstriction syndrom e, RCVS). I sintomi segnalati includono insorgenza improvvisa di mal d i testa grave, nausea, vomito e disturbi visivi. Qualora si sviluppino segni o sintomi di PRES/RCVS, e’ necessario interrompere il trattamen to con pseudoefedrina e consultare immediatamente un medico. Colite is chemica: sono stati riportati alcuni casi di colite ischemica con medi cinali contenenti pseudoefedrina. Se si sviluppano improvviso dolore a ddominale, tenesmo rettale, sanguinamento rettale o altri sintomi di c olite ischemica (vedere paragrafo 4.8), l’uso di pseudoefedrina deve e ssere interrotta ed e’ necessario consultare un medico. Neuropatia ott ica ischemica: con la pseudoefedrina sono stati riportati casi di neur opatia ottica ischemica. La pseudoefedrina deve essere interrotta se d ovesse verificarsi improvvisa perdita della vista o riduzione dell’acu ita’ visiva, ad esempio in caso di scotoma. Sicurezza cutanea: reazion i cutanee gravi come la pustolosi esantematica acuta e generalizzata ( AGEP) possono verificarsi con prodotti contenenti pseudoefedrina. Ques ta eruzione pustolosa acuta puo’ verificarsi entro i primi 2 giorni di trattamento, con febbre e numerose, piccole pustole, per lo piu’ non follicolari, derivanti da un eritema edematoso molto diffuso e localiz zate principalmente sulle pieghe cutanee, sul tronco e sugli arti supe riori. I pazienti devono essere attentamente monitorati. Se si osserva no segni e sintomi come piressia, eritema,o numerose piccole pustole, la somministrazione di ACTIFED deve essere interrotta e se necessario devono essere prese misure appropriate (vedere paragrafo 4.8). ACTIFED non deve essere usato da pazienti con gravi malattie epatiche o con r idotta funzionalita’ renale a meno che il medico non lo ritenga necess ario. Informazioni importanti su alcuni eccipienti. ACTIFED sciroppo c ontiene: saccarosio. I pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio, da malassorbimento di glucosio-galattosio, o da insufficienza di sucrasi isomaltasi, non devono assumere questo m edicinale. Questo medicinale contiene 7 g di saccarosio per dose. Da t enere in considerazione in persone affette da diabete mellito metile para-idrossibenzoato. Puo’ causare reazioni allergiche (anche ritardat e) giallo tramonto (E110). Puo’ causare reazioni allergiche. ACTIFED compresse contiene lattosio: i pazienti affetti da rari problemi eredi tari di intolleranza al galattosio, da deficit totale di lattasi, o da malassorbimento di glucosio-galattosio, non devono assumere questo me dicinale. Durante l’uso concomitante di inibitori delle monoaminossidasi (IMAO) e ammine simpaticomimetiche, in letteratura medica sono state riportat e crisi ipertensive acute. La pseudoefedrina esercita un’azione vasoco strittrice stimolando i recettori adrenergici e rilasciando noradrenal ina dai siti neuronali. Gli inibitori delle monoaminossidasi (IMAO) po ssono potenziare l’effetto pressorio della pseudoefedrina, poiche’ imp ediscono il metabolismo delle ammine simpaticomimetiche e aumentano la quantita’ rilasciabile di noradrenalina nel tessuto nervoso adrenergi co. Gli effetti degli antistaminici sono resi piu’ evidenti dall’alcoo l, dagli ipnotici, dai sedativi, dai tranquillanti, e da altre sostanz e ad azione anticolinergica o ad effetto depressivo sul sistema nervos o centrale, le quali pertanto non vanno assunte durante la terapia. Gl i antistaminici possono ridurre la durata d’azione degli anticoagulant i orali. L’uso degli antistaminici puo’ mascherare i primi segni di ot otossicita’ di certi antibiotici. Il furazolhttp://farmapiva.it/wp-content/uploads/2022/01/ALL-PRODUCTS.jpge causa una progressiv a inibizione della monoaminossidasi, per cui non va assunto contempora neamente ad ACTIFED. L’effetto degli antipertensivi che interferiscono con l’attivita’ del simpatico (per es. metildopa, alfa e beta bloccan ti, debrisochina, guanetidina, betanidina e bretilio) puo’ essere parz ialmente annullato da ACTIFED, che pertanto, anche in questo caso, non va contemporaneamente assunto. Di seguito sono riportate le reazioni avverse segnalate con una freque nza >=1%, individuate in studi randomizzati controllati con placebo, c on formulazioni contenenti pseudofedrina come singolo principio attivo : bocca secca, nausea, capogiro, insonnia e nervosismo. Non sono dispo nibili studi clinici controllati con placebo, con sufficienti dati rel ativi alle reazione avverse per la combinazione dei principi attivi ps euoefedrina e triprolidina. Le reazioni avverse identificate durante l ‘esperienza post-marketing conpseudoefedrina, triprolidina o la combin azione sono riportate in Tabella 1 secondo le categorie di frequenza c he utilizzano la seguente convenzione: molto comune (>= 1/10) comune (>= 1/100 e <1/10) non comune (>= 1/1.000 e < 1/100) raro (>= 1/10, 000 e <1 / 1.000) molto raro (<1/10.000) non nota (la frequenza non puo' essere definita sulla base dei dati disponibili). Disturbi psichi atrici. Molto rari: ansia, umore euforico, allucinazione, irrequietezz a, allucinazione visiva. Patologie del sistema nervoso. Molto Rari: ce falea, parestesia, iperattivita' psicomotoria (nella popolazione pedia trica), sonnolenza, tremore non nota: accidente cerebrovascolare*, en cefalopatia posteriore reversibile (PRES), sindrome da vasocostrizione cerebrale reversibile (RCVS) (vedere paragrafo 4.4). Patologie cardia che. Molto Rari: aritmia, extrasistoli, palpitazioni, tachicardia non nota: infarto miocardico/Ischemia miocardica*. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione. Molto Rari: asteni a. Patologie del sistema immunitario. Molto rari: ipersensibilita'. Pa tologie respiratorie, toraciche e mediastiniche. Molto rari: epistassi . Patologie gastroitestinali. Molto rari: vomito, disturbo addominale non nota: colite ischemica (vedere paragrafo 4.4)*. Patologie della c ute e del tessuto Sottocutaneo. Molto rari: prurito, eruzione cutanea, orticaria, angioedema. pustolosi esantematica acuta generalizzata (AG EP) (vedere paragrafo 4.4), angioedema. Patologie renali e urinarie. M olto rari: disuria, ritenzione urinaria. Esami diagnostici. Molto rari : pressione arteriosa aumentata. Patologie dell'occhio. Non nota: neur opatia ottica ischemica. *reazioni avverse raccolte durante l'esperien za post-marketing con pseudoefedrina ACTIFED puo' causare anche vertig ini, reazione di fotosensibilita', diarrea, iperviscosita' delle secre zioni bronchiali, molto raramente alterazioni ematiche e specie negli anziani, ipotensione. Segnalazione delle reazioni avverse sospette: la segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l 'autorizzazione del medicinale e' importante, in quanto permette un mo nitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agl i operatori sanitari e' richiesto di segnalare qualsiasi reazione avve rsa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizz o https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioniavverse. ACTIFED e' controindicato durante la gravidanza e l'allattamento.