fbpx

Lo SHOP è momentaneamente in manutenzione. Lo stiamo migliorando per rendere l'esperienza di acquisto più gradevole. Per poter sapere quando sarà nuovamente online vi invitiamo a iscrivervi alla newsletter. Ne daremo comunicazione.

100 MG/ML SPRAY NASALE SOLUZIONE, 1 FLACONE DA 15 ML IN VETRO

100 MG/ML SPRAY NASALE SOLUZIONE, 1 FLACONE DA 15 ML IN VETRO

8,90 

Descrizione

NAFAZOLINA PENSA 100 MG/100 ML SPRAY NASALE, SOLUZIONE Sistema respiratorio, simpaticomimetici, non associati. 1 ml di soluzione contiene: nafazolina nitrato 1 mg. Sodio cloruro, disodio edetato, sodio fosfato monobasico diidrato, aci do fosforico concentrato, benzalconio cloruro, aroma balsamico, acqua per preparazioni iniettabili. Decongestionante nasale in corso di riniti e faringiti acute catarrali , di riniti allergiche, di sinusiti acute. Ipersensibilita’ al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipien ti. Malattie cardiache ed ipertensione arteriosa gravi. Glaucoma. Iper tiroidismo. Il medicinale e’ controindicato nei bambini di eta’ inferi ore ai 12 anni. Non somministrare durante e nelle due settimane succes sive a terapia con farmaci antidepressivi. Adulti: 1-2 nebulizzazioni in ciascuna narice, 2-3 volte al giorno. Po polazione pediatrica: il medicinale e’ controindicato nei bambini di e ta’ inferiore ai 12 anni. Attenersi scrupolosamente alle dosi consigli ate. Un dosaggio superiore del prodotto anche se assunto per via topic a e per breve periodo di tempo puo’ dar luogo ad effetti sistemici gra vi. In assenza di risposta terapeutica completa entro pochi giorni, co nsultare il medico in ogni caso, il trattamento non deve essere protr atto per oltre una settimana. Conservare nella confezione originale. Impiegare con cautela negli anziani e nei portatori di ipertrofia pros tatica per il pericolo di ritenzione urinaria. Nei pazienti con malatt ie cardiovascolari, specialmente negli ipertesi, l’uso dei decongestio nanti nasali deve essere comunque di volta in volta sottoposto al giud izio del medico. L’uso protratto di vasocostrittori puo’ alterare la n ormale funzione della mucosa del naso e dei seni paranasali inducendo anche assuefazione al farmaco. Il ripetere le applicazioni per un lung o periodo di tempo puo’ risultare dannoso. Benzalconio cloruro (BAC) c ontenuto come conservante, specie quando usato per lunghi periodi, puo ‘ provocare un rigonfiamento della mucosa nasale. Se si sospetta tale reazione (congestione nasale persistente), deve essere usato, se possi bile, un medicinale per uso nasale senza BAC. Se tali medicinali per u so nasale senza BAC non fossero disponibili, dovra’ essere considerata un’altra forma farmaceutica. Puo’ causare broncospasmo. L’uso, specie se prolungato, dei prodotti topici puo’ dare luogo a fenomeni di sens ibilizzazione in tal caso e’ necessario interrompere il trattamento e , se del caso, istituire una terapia http://farmapiva.it/wp-content/uploads/2022/01/ALL-PRODUCTS.jpgea. Con l’uso di farmaci simp aticomimetici, ai quali appartiene anche la nafazolina, sono stati rip ortati rari casi di encefalopatia posteriore reversibile/sindrome reve rsibile da vasocostrizione cerebrale. I sintomi riferiti comprendono i nsorgenza improvvisa di cefalea grave, nausea, vomito e disturbi della visione. La maggior parte dei casi migliora o si risolve in pochi gio rni in seguito a trattamento appropriato. L’uso della nafazolina deve essere immediatamente interrotto e deve essere consultato il medico se si manifestano segni e/o sintomi di encefalopatia posteriore reversib ile/sindrome reversibile da vasocostrizione cerebrale. Il farmaco puo’ interagire con farmaci antidepressivi. Il prodotto puo’ determinare localmente fenomeni di rimbalzo di sensib ilizzazione e congestione delle mucose. Per rapido assorbimento della nafazolina attraverso le mucose infiammate, si possono verificare effe tti sistemici consistenti in ipertensione arteriosa, bradicardia rifle ssa, cefalea, disturbi della minzione. In gravidanza e nell’allattamento deve essere usato solo dopo aver con sultato il medico e aver valutato con lui il rapporto rischio/benefici o nel proprio caso.